Zoomark Srl
servizi facebook contatti
 
 
 
cani
gatti Gatti
acquariologia Acquariologia
piccoli animali Piccoli animali
è bene sapere E' bene sapere
storie di animali Storie di animali
parliamoi di cani Parliamo di... Cani
   
educazione canina
Cosa fare se il cane ha il vizio di mordicchiare
In genere, e purtroppo lo sappiamo bene, i cuccioli di cane tendono a mordicchiare indistintamente tutto quello che capita loro a tiro.
Forse però, non sappiamo per quale motivo lo fanno. Come tutti i mammiferi, i cani apprendono attraverso il gioco e il mordicchiare gli oggetti, soprattutto per il cucciolo ma anche per il cane adulto, è un modo per conoscere e fare esperienza. Attraverso l’esplorazione orale il cane impara a conoscere i diversi materiali e le diverse forme, sperimenta se stesso e la propria abilità nel manipolare, scopre la possibilità di produrre suoni e rumori, di rompere in mille pezzi, di sollevare e trasportare, di aprire, tirare, spezzare.
Tutto questo favorisce nel cane la fiducia in se stesso, le sue capacità cognitive, la sua abilità nell’analizzare e risolvere i problemi.
L’ambiente in cui vive, in genere, propone opportunità per attuare questi comportamenti ma non sempre le scelte effettuate dal cane sono esattamente quelle che noi desideriamo... con l’inevitabile insorgenza di una forte conflittualità!
Spesso, non consideriamo che il cane nasce non sapendo a priori cosa si può e cosa non si può esplorare e, di conseguenza, tutto ciò che trova in giro per lui va bene e ha lo stesso valore; inoltre tende a essere attratto maggiormente, per imitazione, proprio dagli oggetti che in casa vengono maneggiati di più (ad esempio telecomando, libri, occhiali, mouse) oppure da quelli che offrono le sensazioni più piacevoli e stimolanti (indumenti, ciabatte, cuscini, mobili).
Per evitare questi disastri è necessario che il cane abbia a disposizione un gran numero di oggetti verso i quali poter esprimere questa sua necessità senza rischiare di incorrere nel disappunto della famiglia. In commercio esiste una grandissima quantità di giochi che rispondono alle caratteristiche appena descritte: giochi in gomma, in stoffa o composti da materiali diversi, dalle forme più strane e articolate, che producono suoni acuti o buffi per sorprendere il nostro amico a quattro zampe.
Anche oggetti di uso quotidiano che non ci sono più utili, possono diventare dei giochi meravigliosi: bottiglie in plastica vuote, l’interno della carta igienica o dei rotoli da cucina, ecc. La funzione di questi giochi è proprio quella di essere rotti ed è importante che la loro resistenza sia proporzionata all’abilità e alla forza del cane, tale quindi da metterlo in difficoltà ma non troppo, per permettergli anche di riuscire nel suo intento.
Non c’è da stupirsi, quindi, se i giochi si manterranno intatti per meno di una giornata e talvolta per pochi minuti! Per aiutare il cane a discriminare tra gli oggetti con cui può giocare e quelli che invece non sono destinati a lui, possiamo predisporre in un angolo, facilmente raggiungibile dal nostro amico, una bella cesta contenente una ricca quantità di giochi, lasciati a sua disposizione.
In questo modo, quando avrà voglia di giocare saprà dove andare a cercare.
Se invece lasciamo i suoi giochi sparsi un po’ dappertutto, non sarà facile per lui distinguerli dagli altri oggetti di casa che non deve toccare.
Nel caso in cui dovesse rivolgere la sua attenzione a qualcosa che non gli appartiene, sarà sufficiente dissuaderlo, distraendolo con uno dei suoi giochi proposto nella maniera adeguata e condurlo poi a scegliere tra gli oggetti riposti nella sua cesta, evitando di sgridarlo, infatti le regole vanno insegnate con coerenza ma anche con gentilezza e pazienza, intervenendo con maggior severità solo quando abbiamo la certezza che il cane le infranga pur avendole ben comprese.
Ogni nostro rimprovero non compreso dal cane è una frattura nella relazione tra noi e lui.
 
 
Tratto dal numero 39 di Zoomark News
 
> VEDI ALTRI DI: EDUCAZIONE CANINA > VEDI TUTTI
album di famiglia
Album di famiglia
 
le domande ai lettori
 
Da oltre due anni sono proprietario di un Golden Retriever maschio che da sempre alimento con delle ottime crocchette. Ultimamente alcuni conoscenti mi hanno parlato della dieta Barf, voi cosa ne pensate? Claudio, Biella. risposta >
 
La mia gattina di tre anni è molto attiva, mi pare in buona salute, ma la trovo particolarmente magra. Quale alimentazione mi consigliate per “ingrassarla” un po’? Anita, Pralungo. risposta >
 
Ho un cucciolo di 2 mesi di Cavalier King e vorrei che imparasse a fare i suoi bisognini sulla traversina, ma sono un poco in difficoltà, cosa dovrei fare? Renata, Pettinengo. risposta >
 
VEDI TUTTE