Zoomark Srl
servizi facebook contatti
 
 
 
cani Cani
gatti
acquariologia Acquariologia
piccoli animali Piccoli animali
è bene sapere E' bene sapere
storie di animali Storie di animali
parliamoi di cani Parliamo di... Gatti
   
razze feline
Il gatto domestico moderno (2a parte)
DIVERSIFICAZIONE DELLE RAZZE
Discendenti da amori felini o frutto di mutazioni spontanee, le razze non sarebbero oggi quelle che sono senza l’intervento umano.
Nel 1871, in occasione della prima esposizione felina al Crystal Palace, a Londra, furono presentate al pubblico 25 classi di gatti, (che non potevano ancora essere considerate razze vere e proprie) fra Europei e Persiani, con mantelli differenti. All’inizio del XX secolo furono riconosciute ufficialmente 16 razze: oggi, in virtù di una costante evoluzione, sono registrate 54 razze di gatti alle quali si debbono aggiungere una dozzina di varianti di Persiani e di Orientali.
L’ampia gamma di razze che costituiscono il panorama felino nel mondo, è sinonimo di diversità morfologica ma anche comportamentale.
Gli incroci programmati hanno dato vita a nuove razze e a nuove distinte tipologie.
Testa rotonda o triangolare, corpo agile o massiccio… la morfologia felina si è progressivamente trasformata.
Lo standard descrive 5 morfotipi:
il cobby, corto e massiccio come il Persiano, il Manx,
il Burmese
il semi-cobby, più lungo e longilineo come il Norvegese o il Ragdoll
il foreign, longilineo come l’Abissino
il semi-foreign, abbastanza longilineo ma con una possente ossatura, come il Devon Rex, l’Egyptian Mau
l’orientale, molto longilineo ed esile, come il Siamese.
La forma della testa -rotonda per l’Europeo, triangolare per il Siamese-, il colore degli occhi, la coda -grossa nello Skogkatt, assente nel Manx- e il mantello costituiscono i caratteri descrittivi. Il pelo può essere lungo fino a 15 cm. -Persiano, Himalaiano-, semilungo -Angora turco- o corto -Europeo, Certosino-. Per ogni razza sono indicati i colori ammessi. La gamma è molto vasta: colori uniti, bicolori, a più colori -squama di tartaruga, smoke-, silver -persiano cincillà- si vanno ad aggiungere ai colori dei mantelli a disegno: colour point come il Siamese, tabby come l’Europeo, vale a dire striato, maculato, caratterizzato da macchie o striature larghe o sottili.
L’attuale tendenza, in parte controversa nell’ambito della felinofilia, è di stabilire una classificazione delle razze che consenta al padrone di individuare e scegliere il gatto che corrisponde alla tipologia caratteriale desiderata.
I criteri sono diversi e sottolineano le peculiarità feline più o meno marcate. Spesso, nella classificazione, oltre alla dicotomia attivo-tranquillo, figurano anche qualità comportamentali come, ad esempio, la socievolezza.
I pareri degli esperti sono discordi sulla questione delle razze e dei caratteri: ciò dipende dal fatto che la razza felina è considerata non come una peculiarità genetica bensì come il risultato di una selezione operata dagli allevatori.
È innegabile, ad esempio, la particolarità caratteriale del Siamese che chiacchierone come una gazza, con la sua voce roca, si trova perfettamente a suo agio con un padrone espansivo; nel caso di persone sole o anziane rappresenta il “pilastro” della conversazione.
Lo Skogkatt, raffinato e rustico, risveglia il gusto per la natura e piace alle persone che amano dedicarsi al proprio giardino. Il Ragdoll, di indole pacifica, meraviglioso complice dei bambini, è molto richiesto dalle persone tranquille e che detestano i rumori.
 
 
Tratto dal numero 39 di Zoomark News
 
> VEDI ALTRI DI: RAZZE FELINE > VEDI TUTTI
album di famiglia
Album di famiglia
 
le domande ai lettori
 
Da oltre due anni sono proprietario di un Golden Retriever maschio che da sempre alimento con delle ottime crocchette. Ultimamente alcuni conoscenti mi hanno parlato della dieta Barf, voi cosa ne pensate? Claudio, Biella. risposta >
 
La mia gattina di tre anni è molto attiva, mi pare in buona salute, ma la trovo particolarmente magra. Quale alimentazione mi consigliate per “ingrassarla” un po’? Anita, Pralungo. risposta >
 
Ho un cucciolo di 2 mesi di Cavalier King e vorrei che imparasse a fare i suoi bisognini sulla traversina, ma sono un poco in difficoltà, cosa dovrei fare? Renata, Pettinengo. risposta >
 
VEDI TUTTE